La Storia

Nell’anno 2001 da parte di un giovane imprenditore viene costituita l’azienda vitivinicola Petrillo a cui ben presto segue la vinificazione col marchio “Cantina Petrillo”.

L’azienda si estende nelle aree d.o.c.g. e d.o.c. dell’Irpinia maggiormente vocate alla viticoltura, dando origine a vini di qualità eccellente e di grande prestigio. In questa parte d’Italia, sui dolci pendii dell’Appennino, la qualità dei vini è un privilegio che inizia dalla terra: ottima mescola di marne stratificate e argilla con varietà d’impasto, buona esposizione, altitudine tra i 400-500 metri, microclima temperato con significative escursioni termiche in prossimità della vendemmia.

La coltivazione delle uve avviene col metodo dell’Agricoltura Integrata, ossia la drastica riduzione dei prodotti fitofarmaci tossici e l’impiego di sostanze fitopatologiche alternative, non nocive, maggiormente compatibili con l’ambiente e la sicurezza alimentare.

Il controllo di questi processi è affidato a Enti Pubblici che sovrintendono alle fasi di concimazione e di lotta antiparassitaria ed effettuano costanti verifiche tramite ripetute analisi del terreno.

Alla scrupolosa e attenta gestione dei vigneti segue un sapiente processo di vinificazione in purezza esclusivamente delle proprie uve, in cui modernità e antica cultura enologica si fondono compiendo la sublime metamorfosi dei vini.

Le uve, raccolte in vendemmia tardiva al culmine della maturazione e con selezione manuale dei grappoli migliori, sono vinificate in purezza senza aggiunta di uve o mosti da taglio che diradano i profumi e l'essenza autoctona; anzi questi vengono esaltati con la successiva spremitura soffice per estrusione che salvaguarda l'integrità delle bucce e limita la loro frammentazione, conferendo solo il fiore del mosto, fresco e delicato.

L'esplosione di bouquet si ha poi con la lunga criomacerazione a fermentazione controllata, seguita da stabilizzazione a illimpidimento statico ed eliminazione naturale del tartaro per raffreddamento (-6°).

 Il gusto dei vini d'eccellenza si perfeziona ed accresce il proprio valore con l'invecchiamento.

Le botti in pregiato rovere e le più piccole barriques, in condizioni di temperatura e umidità costanti, favoriscono l'affinamento del vino; mutamento governato esclusivamente dal lento dispiegarsi del tempo e dai nobili aromi del legno.

L'azienda produce tre vini bianchi: il "SANTHÈ" Greco di Tufo D.O.C.G., il "MARTINES" Fiano di Avellino D.O.C.G. ed il “MASA'” Irpinia Greco D.O.C. oltre a tre vini rossi da uve aglianico il "DESIDERIO" Taurasi D.O.C.G., il "Zì TANO" Irpinia Campi Taurasini D.O.C. e il "TANINO" Irpinia Aglianico D.O.C.

Il rispetto della tradizione, l'amore per la terra e la natura, la sensibilità al benessere dei consumatori, la passione enologica, la valorizzazione del territorio, il fascino di questo mestiere, l'energia da sognatore del titolare fanno dell'azienda Petrillo una realtà dinamica e competitiva degna di nota.

/